Pubblicato alle ore 10:08

Mousiké et Aretè, come partecipare al bando

Mousiké et Aretè, come partecipare al bando

Dopo un’edizione condizionata dall’emergenza sanitaria, ecco il Bando – presentato nei giorni scorsi – per ripartire con il progetto internazionale con Borse di studio per la selezione di un compositore e un autore di testi che abbia come protagonista la musica antica della Magna Grecia con riferimento al tema “Atleti e citaredi – Taranto ed i grandi agoni panellenici”. In buona sostanza, a quanti parteciperanno al suddetto Bando sarà richiesto un percorso di ricerca, sviluppo, elaborazione di composizioni musicali e testuali che riuniscano gli stilemi del mondo Magno greco e Romano (foto di copertina Aurelio Castellaneta)


Ecco dunque la terza edizione di “Mousiké et Aretè”, progetto organizzato dall’Orchestra Magna Grecia, dal Comune di Taranto, dal Museo Archeologico Nazionale di Taranto, da L.A. Chorus dell’Associazione Matera in Musica, in partnership con Basilicata Circuito Musicale e con ARCoPu Associazione Regionale Cori Pugliesi, con il patrocinio del MIC Ministero della Cultura.



Con base operativa e logistica Taranto, per questa terza edizione di “Mousiké et Aretè” i luoghi di ricerca saranno rappresentati da alcune delle località di grande interesse archeologico identificate all’interno del progetto. Nominato dal Museo Archeologico Nazionale di Taranto – MArTA, il tutor italiano sarà il focus principale del progetto e, al tempo stesso, la base dalla quale si partirà per la scoperta e lo studio dei principali insediamenti della Magna Grecia (Italia, Grecia, Albania). Oltre al MArTA, sono stati inseriti nel progetto di ricerca i principali siti e musei archeologici del versante ionico della Magna Grecia. Finalità del Bando “Mousiké et Aretè”: individuare un compositore ed un autore, senza limiti di età, che si occuperanno della stesura del brano musicale e del testo correlato. Il tutto basato sullo studio in loco delle tradizioni storiche e archeologiche nel contesto rappresentato dal territorio dell’antica Magna Grecia, che abbia, si diceva, il tema “Atleti e citaredi – Taranto ed i grandi agoni panellenici”. I partecipanti dovranno realizzare un elaborato musicale-teatrale tematico, illustrativo dei comportamenti, dei contesti e dei suoni del passato, relativamente alla Grecia Antica con espresso riferimento ad una delle indiscusse capitali culturali della Magna Grecia.

Entro il 15 dicembre 2021 saranno individuati e selezionati i vincitori del bando e successivamente, a partire dal mese di gennaio 2022, inizierà il percorso di studio in residenza che vedrà i due ricercatori selezionati impegnati a svolgere il lavoro di ricerca nei luoghi di pertinenza del progetto, da Taranto, base del progetto, sino agli insediamenti della Magna Grecia in Puglia e Basilicata ed all’estero (Grecia, Albania) per un periodo di quindici giorni (qualora necessario, di un incremento sino ad un massimo di venticinque giorni). I ricercatori saranno coadiuvati nello studio e nella ricerca in Italia da un tutor nominato dal capofila e all’estero da tutor nominati dai partner albanesi e greci. Il percorso di ricerca dovrà terminare entro il 30 marzo 2022.

Il progetto è organizzato dall’Orchestra Magna Grecia, dal Comune di Taranto, dal Museo Archeologico Nazionale di Taranto, da L.A. Chorus dell’Associazione Matera in Musica, in partnership con Basilicata Circuito Musicale e con ARCoPu Associazione Regionale Cori Pugliesi, con il patrocinio del MIC Ministero della Cultura.


COMPOSIZIONI ORIGINALI, REQUISITI, DOMANDA

Il progetto “Mousiké et Aretè” 2021-22 risponde all’obiettivo di creare una composizione originale ed inedita per soli coro e orchestra mediante un’azione di ricerca e residenza in Italia per i ricercatori.

Per l’ammissione alla selezione dei due ricercatori senza limiti di età, è richiesto il possesso dei seguenti requisiti: cittadinanza italiana, o di uno degli Stati membri dell’Unione Europea, ovvero di un Paese extra UE purché regolarmente soggiornante in Europa; aver compiuto il diciottesimo anno di età alla data di presentazione della domanda;

La presentazione della domanda dovrà essere effettuata entro e non oltre il 30 novembre 2021 attraverso l’invio al seguente indirizzo di posta elettronica mousike.arete@gmail.com e completando la domanda allegata con la seguente documentazione: Curriculum vitae completo; Fotocopia di un documento di identità in corso di validità; Video presentazione (anche mediante videoregistrazione realizzata con smartphone) della durata massima di 5 minuti nella quale si racconterà il proprio profilo dal punto di vista artistico, le proprie esperienze e background; da un minimo di uno ad un massimo di tre progetti musicali e/o teatrali e/o poetici già realizzati dal candidato introdotti da una scheda di presentazione.

COMMISSIONE GIUDICATRICE

La giuria sarà composta dal Maestro Piero Romano, Direttore Artistico Orchestra Magna Grecia, dal Maestro Pierfranco Semeraro Presidente ARCoPu, dalla Dott.ssa Eva Degl’Innocenti Direttrice del MArTA, dal Vicesindaco del Comune di Taranto, Dott. Fabiano Marti. L’esito della selezione comunicato personalmente ai vincitori sarà inoltre pubblicato sul sito www.orchestramagnagrecia.it, su www.lachorus.it e su www.arcopu.com. Le decisioni della Giuria saranno rese pubbliche entro il 15 dicembre 2021.

ORGANICO E BORSA DI STUDIO

“I due ricercatori selezionati si legge nella nota della Orchestra Magna Grecia – avranno a disposizione il seguente organico artistico: Organico orchestrale, sei strumenti a scelta dal compositore tra fiati (legni e ottoni) e archi; Organico corale SATB, con massimo di dodici elementi, soli, voce solistica o narratore. Per eventuali esigenze artistiche, previa autorizzazione della direzione, potrà essere considerata l’integrazione di altri strumenti musicali non indicati in elenco o ulteriori voci. Il lavoro dovrà avere una durata minima di venti e massima di trenta minuti e potrà essere anche suddiviso in più quadri/parti/atti. Ai due ricercatori selezionati sarà garantito: i costi di viaggio e la diaria durante la fase di studio e di ricerca per un minimo di 15 giorni in Italia; supporto organizzativo durante l’intera durata del progetto; l’esecuzione dell’opera nel corso delle attività artistiche previste nel 2022/2023; la pubblicazione del progetto realizzato; una Borsa di studio del valore di € 1.500,00 netti per ciascuno dei due ricercatori; la certificazione artistica”.

All’incontro di presentazione svoltosi nella Sala Incontri del MArTA, hanno partecipato la direttrice del Museo Archeologico Nazionale di Taranto, Eva Degl’Innocenti; il vicesindaco e assessore alla Cultura del Comune di Taranto, Fabiano Marti; il direttore artistico dell’Orchestra Magna Grecia, Piero Romano; il direttore artistico ARCoPu, Pierfranco Semeraro.


Annunci

Dove andare a Taranto

MarTA in musica, ecco la rassegna
from to
Scheduled