Nilo e Baldassari: “Kyma? Il sindaco doveva passare dal Consiglio comunale”

Nilo e Baldassari: “Kyma? Il sindaco doveva passare dal Consiglio comunale”

“L’eccessiva voglia di rebranding inizia a sfuggire di mano a questa Amministrazione comunale e la presentazione della nuova holding Kyma senza che sia stato discusso tutto ciò presso le sedi amministrative competenti ne è un esempio”.


I consiglieri comunali Stefania Baldassari e Marco Nilo, esponenti dell’opposizione nella massima assise tarantina, intervengono a seguito della conferenza stampa di presentazione della nuova holding comunale che dovrebbe assorbire le aziende municipalizzate Amat, Amiu e Infrataras, come annunciato venerdì mattina dal sindaco Melucci.

Nilo e Baldassari ritengono sia stato compiuto uno “sgarbo istituzionale”.  La creazione di una holding “e finanche il semplice cambio di denominazione di una società partecipata – si legge nel documento a firma dei due consiglieri comunali –  deve passare necessariamente dal Consiglio comunale. Lo ricordiamo a gran voce. Il sindaco dimentica tutto ciò e presenta in stile “Steve Jobs in salsa jonica” i nuovi mezzi della amministrazione con il nuovo logo – salvo lasciare in piccolo le vecchie scritte Amat-Amiu–Infrataras poiché il marchio Kyma ad oggi semplicemente giuridicamente non esiste. Attenzione –  proseguono Baldassari e Nilo –  qui non si critica lo sforzo di guardare al futuro con la creazione di una holding ma si chiede semplicemente che scelte come queste, vista la loro indiscutibile complessità, siano ben ponderate e analizzate presso le opportune sedi. L’esempio del flop della candidatura della città alla The Ocean race dovrebbe fungere da insegnamento. Puntare sulla forma senza guardare al contenuto, alla lunga, stanca. Ai cittadini non importa che i nuovi camion dell’Amiu presentino una grande “K” sulle loro fiancate: ciò che chiedono nell’immediato è maggiore pulizia per le strade ancora troppo troppo sporche. Preferiremmo, ad esempio, che l’Amiu avviasse dapprima il nuovo progetto di raccolta differenziata e solo dopo parlasse di rebranding, ovvero di cambio del marchio aziendale – concludono  Nicolo e Baldassari –  Insomma, parlare di una holding da creare entro il 2022 senza prima pensare, ad esempio, alla ideazione di un serio piano di interventi per la pulizia delle vie della città sembra puro fumo negli occhi assolutamente controproducente per la nostra città”.



 
 
 

Annunci

Dove andare a Taranto

A Martina Franca evento nazionale del settore moda e confenzioni
from to
Scheduled
Grottaglie, al via il Concorso di Ceramica Contemporanea
from to
Scheduled