Inquinamento, Peacelink chiede dati in tempo reale. Stefàno scrive un’altra letterina

Inquinamento, Peacelink chiede dati in tempo reale. Stefàno scrive un’altra letterina

Peacelink chiede che il Comune di Taranto pubblichi sulla sua pagina web (per ora bianca) dedicata all’informazione dei cittadini, i dati in tempo reale della qualità dell’aria come forma di trasparenza e di democrazia diretta. La richiesta è stata avanzata durante la conferenza stampa svoltasi stamattina nella libreria Gilgamesh cui hanno preso parte Alessandro Marescotti, Antonia Battaglia, Fulvia Gravame. Sono intervenuti anche Vincenzo De Marco e Cristina Sgobio. Secondo Peacelink l’informazione è lo strumento prioritario e forse più importante per la prevenzione e per tutelare il diritto alla salute dei tarantini di cui Stefàno, in qualità di sindaco, è responsabile. 


Durante l’incontro sono stati forniti i dati sulla presenza di Pm10 nel mese di dicembre 2015 e sono stati comparati con quelli del mese di dicembre 2007, 2008, 2009, 2010, 2011, 2012, 2013, 2014. I dati del 2015 sono i più alti in assoluto, se si fa eccezione per quelli del 2007 e del 2010. I dati più bassi sono quelli del 2012, quando la magistratura aveva dato l’ordine di fermare l’area a caldo dell’ILVA e i custodi giudiziari avevano preso in mano la gestione dello stabilimento. “Se si eccettua il 2012 (nel dicembre venne dato dalla magistratura l’ordine di spegnimento degli impianti ILVA dell’area a caldo posti sotto sequestro) – hanno spiegato gli ambientalisti – è stato sempre superato il livello precauzionale di 25 microgrammi a metro cubo, scelto dalla ASL di Taranto per applicare il principio di massima precauzione a tutela dei bambini, degli anziani, dei cardiopatici, delle persone affette da patologie respiratorie gravi e per gli immunodepressi. Nel quartiere Tamburi è stato sempre registrato dalla centralina Arpa di via Machiavelli un superamento del valore di 25 microgrammi a metro cubo a dicembre 2015, tranne il giorno 11 dicembre 2015. Ciò significa che le misure adottate dal Sindaco di Taranto (limitazione dei mezzi pesanti nel quartiere Tamburi in alcune fasce orarie, peraltro sbagliate) si sono rivelate inefficaci. I dati sono inequivocabili”.
lettera sindaco
Mentre Peacelink snocciolava dati e chiedeva informazioni in tempo reale Stefàno ha adottato il solito metodo: la letterina. Destinatari, questa volta, proprio Marescotti & co. La missiva riprende la stucchevole polemica avviata dal primo cittadino nei confronti di un servizio del Tg1 sul decalogo dell’Asl. L’inquinamento per il nostro sindaco sembra essere un capitolo chiuso. Stefàno non manifesta alcuna preoccupazione per i dati diffusi da Peacelink, non considera affatto le foto, i video, le colonne di fumo, la puzza di gas. Per Stefàno vale solo quello che dice la televisione. Infatti si scaglia contro il Tg1 per il servizio sulle finestre chiuse per lo smog, ma gongola se, in questi giorni di blocco al traffico e Pm10 alle stelle, Taranto non viene citata nei tg. Ecco vedete, cari ambientalisti, lo ha detto il telegiornale a Taranto non c’è emergenza.
Le distanze tra Peacelink e Stefàno non riguardano solo i giudizi sulla qualità dell’aria. Stefàno è un sindaco analogico che non comunica sul web e sui social, che ne ignora i meccanismi, le dinamiche, l’importanza. Un sindaco che scrive letterine di trenta righe e non sa che tre righe su facebook o un tweet di 140 caratteri arrivano a decine di migliaia di persone. Ma al di là di questo preoccupano i contenuti. La Ringhiera lo ha scritto qualche giorno fa: la nostra sensazione è che si vogliano riportare indietro le lancette facendo credere ai tarantini che l’inquinamento è un problema risolto. Purtroppo non è così e quella pagina bianca sul sito del Comune, è una macchia nera che Stefàno, per primo, dovrebbe avere interesse a rimuovere.


Annunci



Dove andare a Taranto

Magno Greci ed Etruschi, una mostra al museo MArTa di Taranto
from to
Scheduled
Potenza, Festival dei 100 scalini: il programma
from to
Scheduled
MArTA, in diretta social una conferenza sulla Taranto rupestre
Scheduled