Skip to main content

, ,

Aristosseno Drama club, in scena lo Sciopero di Lisi e la missione dei Blues Brothers

Pubblicato | da Redazione

Domani, giovedì 26 Maggio, ingresso 18.30-sipario ore 19,  nel Teatro Falanto della parrocchia Madonna delle Grazie,  l’ “Aristosseno Drama Club”  mette in scena  la stupidità della guerra, l ‘ insensatezza di tutte le guerre e lo  fa con un grande salto nel passato , tornando all’antica Grecia, nell’anno 411 a.c. .

“LO SCIOPERO DI LISI”, liberamente tratto dalla “Lisistrata” di Aristofane, è la storia di Lisi,  donna appassionata che, con lo stratagemma dello sciopero del sesso,  ricatta i guerrieri spartani ed ateniesi a trattare la pace per porre fine alla guerra del Peloponneso.  Lisi non solo convince le altre donne  a negarsi e negare le gioie dell’amore, ma è lei che si fa motore di un dolore universale: “Sciagurate siamo noi donne a portare il peso della guerra, partoriamo i nostri figli e li mandiamo a fare i soldati!” (Aristofane). “Lo Sciopero di Lisi”  è una farsa – ci spiega la prof Enza Messina – dove molto si ride ma che, in maniera paradossale e insieme umanissima,  vi farà  scoprire, senza falso pudore,  i meccanismi perversi dell’irragionevolezza, additando,  senza ipocrisia, con un linguaggio diretto e divertentissimo, i vizi, le perversioni, il malcostume, la corruzione, le debolezze che ci portano da millenni a ritenere la violenza l’unico mezzo per risolvere i conflitti  e appianare le liti”.

Il sedcondo appunmtamento in calendairo è per mercoledì 1 Giugno (ingresso 18.30-sipario 19.00) sempre nel teatro Falanto della Parrocchia Madonna delle Grazie. L”Aristosseno Drama Club” mette in scena il musical in lingua inglese: “THE BLUES BROTHERS”. Nella Chicago degli anni ’80, dopo aver scontato tre anni per rapina, Jake Blues viene liberato per buona condotta. Ad attenderlo fuori dal carcere c’è il fratello Elwood. I Blues si recano all’orfanotrofio dove sono cresciuti per salutare “ Pinguina”, la Madre Superiora, Sister, una delle suore,  e Betty, la governante. Pinguina informa i fratelli che l’orfanatrofio sta per essere chiuso per un grosso debito col fisco e sono necessari 5000 dollari per pagare le tasse. I Blues hanno un’illuminazione: rimettere assieme “la Band”, il loro vecchio gruppo, organizzare un concerto, e racimolare abbastanza soldi per salvare l’orfanotrofio. Si trovano così in una serie di situazioni incredibili e paradossali. “Siamo in missione per conto di Dio” ripetono Jake, Elwood e i loro compagni. Riusciranno a salvare l’orfanatrofio dal fallimento?