Skip to main content

Torna la Festa dell’uva da tavola nel centro storico di Grottaglie

Pubblicato | da Redazione

I prossimi 2 e 3 agosto torna la Festa dell’Uva “L’Uva Noscia” di Grottaglie (Taranto), una manifestazione per celebrare l’uva da tavola, la regina delle tavole pugliesi, con l’obiettivo di promuovere e valorizzare sempre di più il settore. Nata nel 2022, quest’anno giunge alla sua terza edizione e si presenta più grande e con un programma sempre più ricco di appuntamenti e novità.

Da quest’anno, la festa si svolgerà nel centro storico del comune del Tarantino, con un percorso enogastronomico che partirà dalla zona del Castello episcopio e si snoderà nelle caratteristiche vie dell’antica Grottaglie, fino al palco che sarà posizionato in piazza Regina Margherita. Si inizia alle ore 20, ad ingresso libero.

Sarà un itinerario per far conoscere, in esposizione, le migliori varietà di uva da tavola del territorio; intorno a questo, ci saranno in entrambe le serate percorsi gastronomici, per gustare l’uva e piatti della tradizione. Un parcheggio per le auto dei visitatori, con navetta gratuita, sarà disponibile nella zona industriale. Due ingressi: per chi raggiunge il centro storico dal lato Sud del paese, entrata da via Martiri d’Ungheria; dalla parte Nord di Grottaglie, l’ingresso è invece da via Castello.

Il percorso si snoderà nelle vie: Castello, Battista, Risorgimento, D’Alessandro, San Nicola, Pinnino, San Francesco, per arrivare nel cuore di piazza Regina Margherita, dove ci sarà il palco che ospiterà i dibattiti e gli spettacoli e una grande esposizione delle varietà di uva da tavola del territorio. In piazza Rossano ci saranno gli espositori del settore agricolo.

Oltre all’assaggio dell’uva, con tutte le varietà presenti sul territorio, per le vie del centro storico ci sarà una grande festa gastronomica, con prodotti tipici pugliesi, cibo di strada e ricette della tradizione: tra gli stand, si potranno trovare e degustare spaghetti e orecchiette all’assassina, frise con burratina e vari gusti e condimenti, salumi e formaggi, pettole, puccia salentina, focacce pugliesi, pizza a portafoglio, panzerotti, arancini, pesce fritto, porchetta, caciocavallo impiccato, tubettini cozze e uva, cozze fritte e cozze ripiene, polpette di carne al sugo, bombette, salsiccia e zampina al fornello, hamburgheria, frutteria. Per le degustazioni, non ci saranno ticket, ogni attività drink e food gestirà in autonomia la proposta di cibo e bevande.

Le vie del centro storico saranno animate da artisti di strada, giocolieri, mangiafuoco, trampolieri, spettacoli musicali e dj set che faranno ballare e cantare i visitatori; ci saranno laboratori di pasta fresca, di ceramica, cucito, artigianato in legno e gastronomia; in via Martiri d’Ungheria ci sarà il mercatino degli hobbisti. Le vie saranno illuminate da meravigliose catene di luci, che esalteranno la bellezza del nuovo basolato recuperato attraverso i lavori di rigenerazione urbana e i palazzi storici della città delle ceramiche e dell’uva da tavola. Le stesse strade sono abbellite con realizzazioni artigianali, “li fisciuli”, scialli dipinti e ricamati a mano realizzati dal gruppo “Li fiure”, per accogliere turisti e grandi e piccoli visitatori. Ci saranno postazioni con birreria, vino e bevande; i visitatori saranno invitati ad acquistare un bicchiere in ceramica artigianale grottagliese, per promuovere l’artigianato ceramico: il bicchiere ha il logo della festa dell’Uva Noscia (ceramiche Rosaria Spagnulo).