Pubblicato alle ore 9:11

“Taranto, sanità in affanno per l’emergenza covid”, Cgil, Cisl, Uil scrivono al prefetto

“Taranto, sanità in affanno per l’emergenza covid”, Cgil, Cisl, Uil scrivono al prefetto

Quali misure intende porre in atto l’Asl di Taranto per fronteggiare l’emergenza covid? E’ questo, sostanzialmente, il contenuto di una lettera delle segreterie territoriali di Cgil, Cisl, Uil, che hanno chiesto un incontro urgente al prefetto Demetrio Martino alla presenza del direttore generale dell’Asl Stefano Rossi.


La preoccupazione dei sindacati confederali trae origine da quanto sta accadendo negli ultimi giorni, dai numeri del contagio in aumento nella provincia ionica e da un sistema sanitario pubblico che sembra in grande affanno. “In queste ultime ore – scrivono Cgil, Cisl, Uil – si stanno diffondendo notizie confuse e frammentate circa le iniziative che la locale Direzione Generale della ASL starebbe assumendo per affrontare la situazione in essere, che comporterebbe un totale sconvolgimento della rete assistenziale”.



I sindacati ricordano al prefetto quanto già illustrato in un recente incontro: “La situazione sanitaria del territorio ionico, già molto problematica, si presenta ora estremamente complessa a causa dell’improvviso, esponenziale, aumento dei casi dei contagiati da Covid che sta interessando la nostra provincia in cui è stato toccato il picco più elevato da quando è insorta la pandemia, con 153 casi. Situazione questa resa evidente dalla classificazione che il Ministro della Salute ha dedicato alla nostra Regione, qualificandola come zona ad alto rischio epidemiologico (zona arancione) nell’ambito del DPCM del 4 novembre u.s.”.

Cgil, Cisl, Uil evidenziano che “in queste ultime ora si stanno diffondendo notizie confuse e frammentate circa le iniziative che la locale Direzione Generale della ASL starebbe assumendo per affrontare la situazione in essere, che comporterebbe un totale sconvolgimento della rete assistenziale. Nell’evidenziare che tali azioni vengono assunte al di fuori di ogni azione di confronto con le Organizzazioni Sindacali di Categoria, con la presente, le scriventi sono a chiederle un incontro urgentissimo alla presenza del Direttore Generale al fine di effettuare la dovuta chiarezza sulle azioni in fase di programmazione che, ribadiscono, vedono coinvolto il personale sanitario dipendente in attività lavorative che devono essere svolte in modo da garantire la sicurezza degli stessi operatori”.

I sindacati confederali di Taranto colgono “l’occasione per esprimere la propria preoccupazione circa il forte ridimensionamento delle prestazioni specialistiche e non, diverse da quelle Covid, che, qualora realizzata, esporrebbe a rischi enormi soprattutto la parte più fragile della comunità
(bambini, anziani, disabili)”.


Ieri, intanto, è stata indetta dal Sindaco Rinaldo Melucci la conferenza dei sindaci ionici in seno ad ASL, allargata ai neo eletti consiglieri regionali del territorio e alla task force regionale per la gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, rappresentata per l’occasione da Pierluigi Lopalco.

“Sindaci e consiglieri regionali – spiega una nota stampa del Comune di Taranto – acquisendo le proposte tra gli altri di Donato Pentassuglia, hanno richiesto ad ASL un’implementazione delle informative sull’andamento di contagi e quarantene, anche al fine di organizzare migliori servizi ai cittadini in difficoltà, hanno richiesto alla Regione il coinvolgimento delle numerose strutture private del capoluogo ionico, che risulta baricentrico rispetto alle esigenze che i diversi scenari dei tecnici stanno tratteggiando da qui alle prossime settimane, hanno altresì esortato tutti ad affrontare in breve termine una riorganizzazione di breve-medio periodo, volta a ricercare e attrezzare nuovi posti letto senza pesare sui pazienti di altre patologie. La conferenza tornerà a riunirsi a stretto giro per monitorare gli sviluppi della pandemia sul territorio provinciale e fornire il massimo supporto alla ASL ionica in questa fase così critica”.



Annunci

Dove andare a Taranto

MarTA in musica, ecco la rassegna
from to
Scheduled