Rapina un negozio e va… dalla mamma

Esercizi commerciali ancora nel mirino di malviventi. Un rapinatore ha messo a segno un colpo in un negozio di Pulsano. L’uomo è entrato in una rivendita di ricambi per auto, ha estratto la pistola e l’ha puntata verso il commesso del negozio. Sotto la minaccia dell’arma il bandito si è impossessato dell’incasso della giornata, circa 90 euro, e poi è fuggito a bordo di un auto, facendo perdere le sue tracce.


Subito dopo sono stati avvisati i carabinieri della stazione di Pulsano che sono intervenuti sul posto coadiuvati dal Nucleo operativo della Compagnia di Manduria e dal Nucleo investigativo del Reparto Operativo di Taranto. Grazie alle indicazioni e alle testimonianze raccolte, i militarsi sono riusciti ad identificare il malvivente dandogli la caccia su tutto il territorio provinciale. Le ricerche si sono concentrate nei pressi dell’abitazione della mamma del rapinatore, a Taranto. Ed è stato proprio lì che un 45enne di  Pulsano è stato individuato e catturato. Dopo essere stato condotto in caserma per le formalità di rito, è stato rinchiuso nel carcere di Taranto su provvedimento del sostituto procuratore della Repubblica Ida Perrone.



Controlli a largo raggio – Quattro arresti e 30 denunce a piede libero sono il risultato di un servizio di controllo straordinario del territorio disposto negli ultimi giorni dalla Compagnia Carabinieri di Taranto. Il Nucleo Operativo Radiomobile e le Stazioni di Taranto Principale, Taranto Centro, Taranto Nord, Taranto Salinella, Talsano e Leporano hanno tratto in arresto ed associato presso la Casa Circondariale di Taranto un 36enne, tarantino condannato ad espiare mesi 4 di reclusione perché riconosciuto colpevole di evasione; un 45enne, tarantino condannato ad espiare mesi 4 di reclusione perché riconosciuto colpevole di violazione degli obblighi di assistenza familiare; un 33enne, tarantino condannato ad espiare anni 1 e mesi 5 di reclusione perché riconosciuto colpevole di furto aggravato.
Arrestato e sottoposto al regime della detenzione domiciliare, un 75enne tarantino condannato ad espiare mesi 1 e mesi 5 di reclusione perché riconosciuto colpevole di ricettazione.
Nella stessa operazione sono state denunciate in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria 30 persone ritenute responsabili di diversi reati: 5 per violazione colposa di doveri inerenti alla custodia di cose sottoposte a sequestro; 10 per guida senza patente perché mai conseguita o revocata; 2 per inosservanza degli obblighi della Sorveglianza Speciale di P.S. cui erano sottoposti; 1 per ricettazione; 1 per truffa; 4 per furto aggravato; 2 per guida in stato di ebbrezza alcoolica; 4 per evasione dagli arresti domiciliari; 1 per percosse. Infine, sono stati segnalati alla competente Autorità amministrativa 2 soggetti quali assuntori di sostanze stupefacenti e, nella circostanza, sono stati sequestrati complessivamente 2 grammi di marijuana.


Annunci

Dove andare a Taranto

Magno Greci ed Etruschi, una mostra al museo MArTa di Taranto
from to
Scheduled
Carmen Consoli al Fusco di Taranto
Scheduled
Teatro Orfeo, i nomi della stagione teatrale
from to
Scheduled